Faccette parodontali cosa sono, a cosa servono e come si applicano

Home/Faccette parodontali cosa sono, a cosa servono e come si applicano
Faccette parodontali cosa sono, a cosa servono e come si applicano 2019-10-03T18:22:01+01:00
  • Faccette parodontali cosa sono, a cosa servono e come si applicano

Le faccette dentali sono restauri adesivi per niente invasivi ad elevata valenza estetica. Esse servono a correggere imperfezioni estetiche, piccoli traumi, macchie e buchi tra i denti causati da parodontite.

Le faccette sono sottili, e devono essere applicate da professionisti specializzati in estetica del sorriso e materiali dentari.

Dopo aver trattato il problema dell’infezione gengivale, dipende dalla situazione è possibile ricorrere ad efficaci cure estetiche, per recuperare un aspetto naturale del sorriso.

Per i soggetti affetti dalla malattia parodontale con una mobilità dentale (specialmente a carico dei denti anteriori), la soluzione adeguata è l’utilizzo di una fibra adesiva e materiali compositi che servono per allestire uno splintaggio.

Questa fibra consiste in un nastro sottile, adoperato per unire i denti colpiti dalla parodontite e fissare quelli più mobili. Non è visibile perché viene posizionata dietro i denti e viene ricoperta dal materiale da otturazione. In mancanza di spazio dietro ai denti, si può collocare davanti e sopra si incollano le faccette dentali, che sono composte da resina vetrificata.

Faccette parodontali: semplice da applicare

Il dentista applica in modo semplice le faccette, che arrivano in una scatola e sono numerate distintamente, inizialmente vengono poste sulla superficie vestibolare del dente, con la glicerina per determinare il risultato finale e presumibili ritocchi.

In seguito si procede con la cementazione vera e propria, adoperando cementi competenti normalmente resinosi, ed infine si passa alla rifinitura del manufatto protesico, perfezionando eventuali interferenze nei movimenti di disclusione.

Si tratta di un’applicazione molto confortevole, senza anestesia e con assenza di manovre che implichino disagio al paziente.

FAI LA PRIMA VISITA GRATIS

Diversi tipi di faccette estetiche

Le faccette dentali sono diverse: generalmente, si trovano faccette di vario spessore e materiale, a secondo del risultato che si vuole raggiungere e alla tipologia di problema da risolvere.

Di solito, lo spessore di una faccetta va dai 0.3 mm sino a 0.7 mm, e la dimensione deve coincidere rigorosamente a quella del dente su cui verrà applicata.

Per la selezione del materiale di cui è formata la faccetta, è necessario considerare le richieste di ogni paziente e, a secondo dei risultati che si vogliono raggiungere, il dottore deciderà per quello più idoneo alle circostanze. Tuttavia, le faccette che generalmente assicurano una migliore resistenza e lucentezza sono le lamine create in ceramica e porcellana. Oggigiorno si possono trovare faccette costituite da altri materiali come: il composito, la ceramica e porcellana.

Le faccette dentali non influenzano alcuna delle attività quotidiane, è possibile mangiare come da consuetudine e lavarsi i denti con metodo tradizionale.

PROVA LA PRIMA VISITA GRATIS

Autore: Luigi T.
Data ultimo aggiornamento: 3 Ottobre 2019
Top