Denti storti: ecco i Problemi a Livello Fisico che causano a Adulti e Bambini

Home/Denti storti: ecco i Problemi a Livello Fisico che causano a Adulti e Bambini
Denti storti: ecco i Problemi a Livello Fisico che causano a Adulti e Bambini 2020-09-16T19:29:10+02:00

Quando si parla di denti storti ci si riferisce soprattutto ad una problematica di tipo estetico. Certamente avere una dentatura non perfetta incide non poco a livello di immagine, se consideriamo che il sorriso è una delle prime cose che si nota in una persona; chi possiede una dentatura con difetti ben visibili difficilmente ha interesse a mostrarla in pubblico, il risultato è un crescente senso di insicurezza e difficoltà nei rapporti interrelazionali.

Non esiste una singola causa che porta ad avere un disallineamento dei denti; può trattarsi di un’anomalia ereditaria, quindi derivante da una predisposizione genetica, può nascere da posizioni scorrette o comportamenti non idonei iniziati nei primi anni di vita e protrattisi nel tempo, può derivare anche dalla brutta abitudine di digrignare i denti (il cosiddetto bruxismo, una patologia del tutto involontaria che si combatte con i bite per bruxismo), o dalla mancanza di uno o più denti, che generano uno scompenso nell’equilibrio delle arcate dentali.

Se guardiamo oltre la semplice problematica estetica, scopriremo che i denti storti, o addirittura stortissimi (problematica conosciuta anche con il termine di “malocclusione dentale”) può portare problemi di salute, e questo vale soprattutto per i denti storti da adulti (anche se bisogna curarli fin da bambini).

Denti storti: disallineamento e problematiche sulla muscolatura della mandibola e del collo

Sapete che una dentatura non allineata può causare problematiche a livello posturale?

Per postura intendiamo la posizione assunta dal corpo umano quando si trova in piedi davanti ad un punto fisso; probabilmente molti di voi da bambini avranno fatto la classica visita di controllo, con un posturoscopio che misura l’atteggiamento posturale del paziente.

Ma come nasce il rapporto tra denti non allineati e postura scorretta? Risponde per noi a questa domanda il team dello studio dentistico DentalComp di Grosseto, esperto nella cura delle malocclusioni dentali.

“La relazione tra postura e disallineamento dentale deriva dalla condizione della muscolatura masticatoria (vi sono 4 muscoli da considerare, il massetere, il temporale, lo pterigoideo interno, lo pterigoideo esterno) e della muscolatura del collo.

Questi muscoli vivono in stretta simbiosi tra loro, al punto che un disallineamento marcato dei denti può portare ad una scarsa aderenza della mandibola, generando fastidio (se non proprio dolore) alla muscolatura del collo”.

“Se questa problematica si protrae nel corso del tempo si possono avere ripercussioni anche sulla schiena, con problematiche a livello cervicale, fino all’assunzione di una postura scorretta che può portare a casi di scoliosi (curvatura della colonna vertebrale). La posizione sbilanciata che assume il nostro corpo è, quindi, un tentativo di rimediare al fastidio generato dalle problematiche muscolari. Questa posizione resta comunque innaturale e può generare altre problematiche a catena, come ad esempio un sovraccarico di peso corporeo sulle ginocchia, con conseguente fastidio alle articolazioni”.

La relazione tra disallineamento dentale e problematiche posturali è immediata?

“Non sempre, ma è opportuno che, qualora si riscontrino problematiche fisiche di questo tipo, si abbia un confronto con il proprio dentista di fiducia. La valutazione della condizione delle arcate dentali consente di valutare se vi sono problematiche importanti di disallineamento, inoltre il confronto con il paziente può portare alla luce problematiche fisiche che possono essere ricondotte proprio alla malocclusione dentale”.

Ortodonzia invisibile: una soluzione efficace per la cura di queste problematiche

In questi casi l’ortodonzia invisibile può rappresentare un’ancora di salvezza per il paziente, oltre che una soluzione esteticamente migliore rispetto all’uso dei classici apparecchi fissi con filo metallico.

Gli apparecchi correttivi mobili ed invisibili, delle vere e proprie mascherine come la Invisalign che vengono ideate sulla forma esatta della nostra dentatura, consentono di iniziare un percorso che conduce progressivamente alla correzione del disallineamento, riportando le arcate dentali in una posizione ottimale.

Solitamente queste mascherine si applicano durante l’intero arco della giornata, si possono togliere comodamente durante i pasti e quando ingeriamo bevande colorate, così da non sporcarlo. Dopo un determinato periodo di tempo si effettua il cambio della mascherina con un modello nuovo, che consente di proseguire il lavoro di ri-allineamento, e questo processo prosegue anche con altre mascherine, fino al raggiungimento di un allineamento ottimale.

Le mascherine invisibili rappresentano una vera e propria rivoluzione in ambito di ortodonzia, perché consentono di ottenere risultati apprezzabili nell’arco di pochi mesi, inoltre non creano alcun tipo di problematica dal punto di vista estetico, considerando che sono trasparenti.

Queste mascherine portano altri vantaggi, come ad esempio la protezione dello smalto, che non viene intaccato da eventuali sfregamenti dovuti al bruxismo, e nel corso dei mesi, con il riallineamento completo, si potranno notare anche miglioramenti sul fastidio della muscolatura della mandibola e quella del collo.

Il consiglio, quindi, è quello di non aspettare oltre e di rivolgersi al proprio dentista di fiducia per avere un consulto approfondito sulla questione. Scopri anche quanto costa una visita dal dentista.

Autore: Luigi T.
Data ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2020
Top