Che cos’è la parodontite: cause, sintomi, rimedi e cure

Home/Che cos’è la parodontite: cause, sintomi, rimedi e cure
Che cos’è la parodontite: cause, sintomi, rimedi e cure 2019-09-30T19:20:03+02:00
  • Che cos'è la parodontite: cause, sintomi, rimedi e cure

La Parodontite è la malattia che colpisce tutte le strutture che circondano il dente e lo aiutano a mantenersi saldamente attorno all’osso. La maggior parte delle parodontiti deriva dall’infiammazione delle gengive (gengivite) e dalla raccolta prolungata di placca e tartaro su denti e gengive.

Si formano delle sacche tra i denti e le gengive, che si estendono verso il basso, fra la radice del dente e l’osso sottostante.

Queste sacche raccolgono la placca in un ambiente privo di ossigeno, che favorisce la crescita di batteri. Tutto ciò provoca un’infiammazione cronica che danneggia il tessuto e l’osso. Tuttavia, se la malattia avanza, viene consumata una tale quantità di osso che il dente può divenire dolorante e mobile, mentre le gengive recedono. Chi è affetto da parodontite, verso l’età di 40 anni inizia la perdita dei denti.

PROVA LA PRIMA VISITA GRATIS

Sintomi

I principali sintomi sono la sensibilità, il sanguinamento e la mobilità dei denti e se non si interviene velocemente il rischio è la perdita del dente stesso.

Sintomi iniziali da non sottovalutare:

  • Alito cattivo;
  • Leggero sanguinamento delle gengive durante lo spazzolamento;
  • Strano sapore in bocca;
  • Cambiamento di colore delle gengive (rossore),
  • Gonfiore delle gengive;
  • Perdita di tono delle gengive (più molli).
  • Generalmente, allo stadio iniziale, vi è assenza di dolore

Sintomi della parodontite in stadio più avanzato:

  • Sanguinamento severo delle gengive, sia durante lo spazzolamente, talvolta anche durante masticazione di cibi più duri;
  • Alitosi marcata;
  • Recessioni gengivali e esposizione delle radici;
  • Comparsa di piccoli spazi tra i denti;
  • Eccessiva mobilità dentale (denti che dondolano);
  • Fastidi o indolenzimento diffuso dei denti.

PRIMA VISITA GRATIS DAL DENTISTA >>

In presenza di altri fattori favorenti quali il fumo e la familiarità, questa malattia può peggiorare. Oppure si può essere più ricettivi se si è affetti da sindrome di Down, artrite reumatoide, diabete e HIV positivo.

Cause della parodontite: i fattori di rischio

Inoltre i fattori di rischio associati allo sviluppo di questa malattia sono diversi:

  • Il tabacco: il fumatore è più soggetto a perdita ossea, a tasche parodontali più profonde, e ad un più elevato rischio di riassorbimento gengivale;
  • Cambiamenti ormonali nelle donne: possono alterare e rendere più sensibili le gengive (menopausa);
  • Stress: il corpo diviene debole e incontra maggiori difficoltà nel combattere le infezioni, tra cui le malattie parodontali;
  • Farmaci: alcuni medicinali ( ad esempio gli antidepressivi), possono influenzare la salute della bocca poiché limitano la produzione di saliva, che è un agente igienizzante;
  • Troppi zuccheri: l’uso eccessivo di zucchero aumentano il proliferare dei batteri;
  • Abitudini alimentari: insufficienza di vitamine che assicurano una buona difesa immunitaria;
  • Patologie: diabete, patologie cardiache, osteoporosi possono aumentarne la predisposizione;
  • Ereditarietà.

Come trattare la parodontite: rimedi e cure

In una prima fase della malattia, in caso di parodontite, la parodontologia prevede di attuare una pulizia dentale professionale in un adeguato centro dentistico per rimuovere la placca e il tartaro accumulati.

Inoltre è rilevante che il paziente sia coinvolto nella prevenzione della parodontite mediante corrette abitudini igieniche.

Ma come si cura la parodontite?

La terapia delle parodontiti avviene in 3 fasi:

  1. La prima è un trattamento diretto a rimuovere l’infezione, con la pulizia profonda delle radici dei denti che presentano tasche per rimuovere i batteri. Vengono adoperati anche degli antisettici orali durante il trattamento professionale ma anche nei giorni successivi.
  2. La seconda fase prevede una rivalutazione e, se il tutto è stabilizzato, si procede con le altre doverose cure odontoiatriche.
  3. La terza fase è costituita dal mantenimento che è fondamentale.

In conclusione, ovviamente, la prevenzione è alla base per una bocca sana. La corretta igiene orale, i giusti prodotti (spazzolini elettrici, dentifricio, filo interdentale e colluttorio), è la migliore prevenzione in assoluto.

PRIMA VISITA GRATIS, PROVA ORA >>

Autore: Luigi T.
Data ultimo aggiornamento: 30 Settembre 2019
Top