Come scegliere i prodotti giusti per curare i denti

Home/Come scegliere i prodotti giusti per curare i denti
Come scegliere i prodotti giusti per curare i denti 2017-06-22T17:45:03+00:00
Strisce bianche per i denti, le migliori del mercato
Mancano solo minuti
per non perdere l'offerta di Advanced Teeth Denti Bianchi »

Curare i nostri denti è molto importante, visto che sono elementi che oltre a garantire un bel sorriso, sono fondamentali nelle operazioni di masticazione del cibo e, in caso di cattivo funzionamento, possono riverberare determinati disturbi in altre zone del nostro corpo come ad esempio la schiena.

Per curare i denti è innanzitutto importante eseguire una buona igiene orale. Per ottenerla è necessario servirsi di prodotti conosciuti e di buona qualità, come i prodotti Curasept, un dentifricio idoneo e un buon collutorio e, ovviamente, un ottimo spazzolino.

Scegliere lo spazzolino giusto

Lo spazzolino dovrà avere la setola più adatta alla nostra gengiva, esistono le setole morbide, medie e più dure. Questo elemento molto importante per la pulizia dei denti, rimuovere la placca e i residui di cibo, può essere manuale o a batterie (elettrico), due modi diversi di lavarsi i denti, ma che differiscono da persona a persona, a seconda delle proprie esigenze.
Anche le caratteristiche tecniche del dentifricio sono importanti ecco perché consigliamo di consultare sempre il vostro dentista di fiducia, che sarà certamente in grado di darvi i consigli giusti e indirizzarvi verso i prodotti che meglio si adattano ai vostri denti.

Mediamente lo spazzolino più comune è quello con le setole di media durezza, la testina piccola che possa riuscire a raggiungere le varie zona della bocca con grande facilità e senza causare danni collaterali. Scegliete anche l’impugnatura più consona a voi per ciò che riguarda lo spazzolino.

Il filo Interdentale: un alleato da non sottovalutare per pulire e curare i denti.

Esistono anche altri elementi importanti per curare i nostri denti. La causa principale della malattia parodontale è proprio la presenza della placca che si deposita sulle gengive. Oltre allo spazzolino potete utilizzare il filo interdentale, un elemento che arriva dove lo spazzolino non è in grado di fare breccia. Il filo infatti agisce proprio nello spazio esistente tre un dente e l’altro, e rimuove i tanti residui di cibo che si depositano in genere. Chiedete al vostro dentista di mostrarvi come eseguire i movimenti giusti ed utilizzare correttamente il filo interdentale, in modo tale da non crearvi ulteriori danni o fastidi, come ad esempio il sanguinamento delle gengive.

Un altro trucco da tenere in considerazione è quello di ridurre al massimo l’ingerimento di cibi che sono in grado di macchiare i nostri denti, su tutti il caffè, il the e altri ancora.

Il suggerimento è quello comunque di lavarsi i denti, entro un’ora dopo che si è mangiato, in maniera tale da non dare il tempo ai residui di cibo presenti in bocca di iniziare ad agire.

Ovviamente essendo lo spazzolino un elemento fondamentale per curare la nostra igiene orale, va mantenuto pulito e curato, in modo tale che la sua azione sia sempre efficace. La prima cosa da fare è quella di non prestare lo spazzolino a nessuno, questo è un elemento assolutamente personale. Si rischierebbe in questo modo di trasmettersi germi e batteri, aumentando il rischio di infezioni e malattie molto fastidiose e che potrebbero facilmente coinvolgere altri organi del corpo umano. Non porre in contatto i vari spazzolini della famiglia in modo da evitare contagio di batteri, e tenerlo anche lontano almeno due metri dalla toilette, in maniera che le gocce che questa emana non vadano a depositarsi sullo spazzolino.

Sciacquate con cura lo spazzolino e riponetelo sempre in posizione verticale, in maniera che possa far scolare l’acqua in maniera più naturale e rapida. Non usare lo spazzolino per pulire per pulire altre cose e cambialo, possibilmente, ogni tre mesi, un medio tempo di usura che i dentisti reputano sufficiente per la vita di uno spazzolino.

Una cattiva igiene orale potrebbe far sorgere alcune malattie, vediamo insieme le più comuni.

La carie rappresenta la malattia dei denti più diffusa, quella che può sorgere anche in tenera età e che inizialmente si può presentare con piccole macchioline nere, anche indolore. Il problema nasce quando si inizia a sentire dolore e bisogna chiedere l’intervento del dentista che dovrà intervenire nella parte più viva del dente.

La parodontite invece è una malattia che in genere si presenta in età più avanzata e interessa le nostre gengive che iniziano ad arrossarsi ed evidenziare segni di cedimento. La malattia va curata dal dentista, visto che il ritiro progressivo della gengiva potrebbe causare anche la perdita dei denti.

Anche il cibo è importante per la salute dei denti, è consigliabile infatti consumare cibi che contengono vitamine, calcio e fosforo, che aiutano a prevenire le malattie dei denti e delle gengive.

Un altro elemento importante per la curare i denti e per l’igiene orale in generale è il collutorio, un disinfettante che va utilizzato diverse volte al giorno per mantenere l’alito fresco e un certo equilibrio all’interno della nostra bocca. Si consiglia in genere di utilizzare collutori che non hanno presenza di alcool in maniera tale da evitare eventuali infiammazioni indesiderate.

SCEGLI IL MIGLIOR COLLUTORIO
PER LA TUA IGIENE ORALE

Strisce bianche per i denti, le migliori del mercato
Compra ora, compila il modulo qui sotto